La Sanificazione

Sanificazione e Disinfezione le Differenze...

Mai come in questo ultimo periodo per l’Emergenza Covid-19 abbiamo sentito parlare di sanificazione, pulizia e disinfezione… questi termini, possono in effetti sembrare la stessa cosa ma in realtà non è così… Ogni parola, invece, indica delle precise attività di pulizia per eliminare microrganismi patogeni o per migliorare le condizioni del microclima.

Pulizia, disinfezione, sanificazione e disinfestazione: le differenze e le definizioni
La legge numero 82 del 25 gennaio 1994 distingue i termini:

• Pulizia;
Attività che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza.

• Disinfezione;
Attività che riguardano il complesso dei procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni.

• Sanificazione;
Attività che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante l’attività di pulizia e/o di disinfezione e/o di disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore.

• Disinfestazione;
Attività che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perché molesti e specie vegetali non desiderate. La disinfestazione può essere integrale se rivolta a tutte le specie infestanti ovvero mirata se rivolta a singola specie.

• Derattizzazione;
Attività che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione dei ratti o dei topi al di sotto di una certa soglia.

La Normativa

Le autorità, per contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus negli ambienti di lavoro, hanno imposto la sanificazione periodica dei locali.
Il trattamento serve ad eliminare germi, batteri, funghi e virus dagli ambienti come aree di lavoro (ambienti di produzione e stoccaggio merci, uffici), aree comuni e di svago (aree ristoro, mense, spogliatoi, sale meeting), mezzi di trasporto (treni, tram, veicoli, traghetti, aerei, autobus), istituti ed enti locali (scuole, asili, università, poste, banche, auditorium, comuni) nonchè bar, ristoranti, cinema, ospedali, cliniche veterinarie, chiese, condomini, supermercati e centri commerciali.

Vi ricordiamo che la sanificazione degli ambienti di lavoro, misura protettiva contro il contagio da Covid19, è obbligatoria al fine della riapertura dell’attività.

Statistiche aggiornate Covid19