Il Ragno

In Italia ci sono circa 1600 specie di ragni delle quali solo 5 realmente pericolose per l'uomo.

Iragni sono Aracnidi, diffusi in moltissime parti del mondo con oltre 46.000 specie differenti. Hanno colori, dimensioni e abitudini differenti, ma sono tutti accomunati dalla forma del corpo e dalle otto zampe. Tutte le specie di ragno producono le ragnatele, intricati intrecci di fili che ospitano l’animale e le sue uova. Le ragnatele sono molto diverse una dall’altra anche a seconda del tipo di ragno che la tesse. Tutti i ragni sono predatori e si nutrono prevalentemente di insetti, lucertole, piccole rane etc. (a seconda della dimensione del ragno). Generalmente paralizzano la preda con un morso velenoso, per poi consumarla o avvolgerla in un bozzolo di seta e conservarla per il tempo a venire. In Italia vivono circa 1600 specie di ragni dei quali molti sono innocui o solo vagamente fastidiosi, ma il morso di alcuni può essere pericoloso. I ragni dal morso più pericoloso sono: La segestria florentina, il ragno dal sacco giallo, la lycosa tarentula, Il ragno violino e infine la malmignatta o vedova nera.
1000
Specie nel Mondo
60
Specie comuni in Italia
0
Specie pericolose in Italia
+
Interventi risolutivi

I nostri trattamenti per la disinfestazione da ragni garantiscono la rimozione completa dell’infestazione. I ragni sono facilmente individuabili per via delle ragnatele questo è il modo per capire se i ragni sono presenti nella tua casa o altrove.  Solitamente i ragni amano insediarsi nelle zone scure e appartate, sia nella tua casa che in giardino o in ambienti umidi, come ad esempio scantinati, muri e capannoni e a volte in soffitte e armadi. I ragni si alimentano di altri insetti come formiche, mosche e altri ragni, dunque dove c’è un’abbondanza di altri insetti, i ragni saranno presenti.
In generale, se non si è sicuri di quale specie di ragni si tratti, è meglio non infastidirli fino al momento della disinfestazione poichè esistono in Italia 5 specie di ragni potenzialmente pericolose per l’uomo.

Torna su